Apriti – Dicembre

Carissimi sorelle e fratelli parrocchiani,

il Natale è vicino! La televisione, con i suoi messaggi suadenti, ci sta dicendo già da tempo che sta arrivando il Natale, e forse anche nelle nostre case abbiamo iniziato a rispolverare qualche addobbo natalizio e a preparare il posto per il presepe, splendida e tenera tradizione ci riporta all’infanzia, e che aiuta i nostri bambini a vivere con profondità questo importante tempo che è l’Avvento… fatelo, mi raccomando! Vogliamo chiedere insieme al Signore che non soltanto le nostre strade e le nostre case, ma anche il nostro cuore sia pronto alla sua venuta? La liturgia del tempo di Avvento è ricchissima di brani biblici ed esortazioni che indicano le strade interiori da percorrere per accogliere al meglio il Signore Gesù.

Il tema conduttore è ovviamente la venuta del Signore, con accenti particolari:

E’ una venuta da preparare con gioia, nonostante i tempi difficili che stiamo vivendo: come 2000 anni fa, così il Signore continua a venire nella nostra vita, attraverso la preghiera personale e comunitaria, attraverso l’Eucarestia, attraverso il povero che ne è la presenza più viva e preziosa (…e nascosta, a volte…). Il Signore viene, come non possiamo andargli incontro con gioia? Come non possiamo vivere questi giorni con una profonda e silenziosa gioia interiore, la gioia che nasce dall’attendere Qualcuno che ci ama di un amore speciale, tenero e premuroso?

Il Signore viene a salvarci, e a portarci la giustizia e la pace, simbolo di salvezza interiore che, se accolta, diventa anche salvezza nei rapporti con i nostri fratelli. Chiediamo al Signore che davvero venga a salvarci… ma a salvarci da cosa? Dalla paura che abbiamo di fronte alla vita e ai problemi di ogni giorno; dall’egoismo che a volte ci impedisce di accogliere la sua venuta attraverso gli altri. Salvaci, Signore, e portaci la pace, la pace profonda del cuore, pace così profonda che niente e nessuno potrà mai donarci, se non il tuo infinito amore!

Il Signore viene! Non è un’invocazione più o meno speranzosa, non è un’eventualità più o meno remota, magari dipendente dal nostro desiderio e dalla nostra preghiera: è una certezza! “Ecco, viene il Signore, re della gloria!”. Viene! Davvero! Chiediamoci: siamo certi di questa venuta? O la nostra fede è un po’ addormentata e la nostra speranza zoppica? L’Avvento può essere un “termometro” della nostra fede: tanto più attenderemo il Signore, tanto più significa che crediamo e speriamo in Lui! Tanto più lo invocheremo e l’attenderemo, anche se con la coscienza di una fede a volte non troppo viva, tanto più il Signore non tarderà a guarirci dalla nostra poca fede!

Come possiamo prepararci ad accogliere al meglio il Signore che viene?

Credo che il Signore ci inviti in questo tempo a pregarlo un po’ di più. Vogliamo fare insieme un piccolo passo, per incontrarlo davvero più profondamente? Un piccolo suggerimento: perché non provare a ripetere ogni giorno per una, dieci, cento volte, l’invocazione “Vieni, Signore Gesù? Oppure possiamo noi stessi pensare qualche invocazione da ripetere ogni giorno, continuamente, per “educare” il nostro cuore all’attesa del Signore, un’attesa gioiosa, un’attesa operosa, un’attesa trepidante, perché non è un’attesa vana, è un’attesa certa! Il Signore non tarderà!

In Basilica, vi ricordo, ogni giorno, dal mattino alla sera, c’è l’Adorazione Eucaristica per la preghiera personale. Riusciremo, in mezzo alle tante corse di ogni giorno, a dedicare del nostro tempo al Signore? Alcuni minuti solo per Lui, solo con Lui, per invocarlo con tutto il nostro cuore: Vieni, Signore Gesù!

Giovedì 16, alle ore 7.00, inizierà la Novena di Natale, nella quale sarà cantata la supplica per la venuta di Gesù, l’eterno Presente nella nostra storia. La preghiera della Novena alimenterà la gioia dell’attesa: Gesù verrà come luce, come pace, come rugiada, come dolcezza, come novità, come Re potente, come dominatore universale, come bambino, come Signore giusto. La Novena susciti in noi il desiderio di fermarsi ad adorare il Signore della nostra vita.

Nei giorni precedenti il Natale, chiedete perdono al Signore e incontrerete la sua misericordia nel Sacramento della Riconciliazione: provate a trovare un momento per una bella confessione (i sacerdoti sono sempre disponibili). Il Signore viene anche per portarci il suo amore misericordioso e la forza per vivere sempre più da cristiani veri.

Preghiamo gli uni per gli altri, perché il Signore non ci trovi addormentati, ma ben pronti e gioiosi, perché riempia il nostro cuore della sua Pace, la Pace vera e profonda che noi tutti aspettiamo, una pace frutto del suo amore, una pace che ci spinge alla condivisione!

Buon Avvento!

Don Tommaso e i confratelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma