Vangelo 19 aprile

Dal Vangelo di Giovanni (20, 11-18)
Maria invece stava all’esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva,
si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla
parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi
le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio
Signore e non so dove lo hanno posto». Detto questo, si voltò indietro e vide
Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. Le disse Gesù:
«Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del
giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e
io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di
lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro! Gesù le disse:
«Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei
fratelli e di’ loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio
vostro». Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il
Signore» e anche ciò che le aveva detto.


Come vivere questa Parola?

Maria si mostra una sincera discepola di Gesù. Lo segue, eroicamente si
aggrappa a lui, che è crocifisso per amore; lo cerca, oltre la morte, sepolto e
scomparso. Pochi discepoli hanno contemplato la storia così attaccati e leali
come Maddalena. Tuttavia, la buona notizia di oggi, di questo martedì
dell’Ottava di Pasqua, supera infinitamente ogni eccellenza morale, ogni fede
religiosa in un Gesù ammirabile, ma, in fondo, morto. Ci trasporta nel regno
della fede nel Risorto. Gesù si rivolge prima a Maddalena, ponendosi al livello
della fede imperfetta. Le chiede: “Donna, perché piangi?”. Con occhi miopi, gli
risponde come a qualcuno che si interessa della sua angoscia. Gesù poi la
chiama per nome: “Maria!”. La colpisce fino a farla rabbrividire di risurrezione e
di vita, cioè di Sé, il Risorto, il Vivente per sempre. Ed ecco Maddalena
credente e Maddalena apostola “va dunque ad annunziare ai discepoli…”. Oggi
molti cristiani non vedono chiaramente l’aldilà della loro vita e dubitano della
risurrezione di Gesù. Sono come loro? Molti cristiani hanno fede, seguono Gesù
nell’intimità, ma hanno paura di annunciarlo. Sono come loro? Allora
diciamogli, come Maria Maddalena: “Maestro!”, prendiamogli i piedi e andiamo
a trovare i nostri fratelli per dire loro: “Il Signore è risorto e io l’ho visto!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma