Apriti – Maggio

       

Carissimi sorelle e fratelli parrocchiani,

furono ore di profonda tristezza e paura quelle che vissero i discepoli di Gesù dopo la sua morte. Era difficile per loro dare una spiegazione a quella morte impossibile ed incredibile. Poteva mai il Figlio dell’uomo, come Gesù si faceva chiamare, uno di noi, tutti figli dell’uomo, ma in realtà “Figlio di Dio”, rinunciare alla sua infinita potenza, per andare incontro senza alcuna opposizione alla più brutale ferocia dell’uomo che, quando si fa prendere la mano dall’odio, arriva a spogliare il fratello di ogni dignità, fino a distruggerla completamente? Perché davvero Gesù, come afferma Paolo, “umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte ed alla morte di croce”?

E’ facile immaginare lo sbandamento, la paura, il senso del “tutto è finito e si è spenta ogni speranza”: sentimenti simili alla morte dell’anima, che certamente regnavano in quanti erano stati scelti da Gesù, avevano seguito Gesù, credendo in un futuro “diverso”, un futuro di pace, di gioia, forse anche di sicurezza. Tutti sentimenti umani che erano poca cosa in confronto a quello che sarebbe avvenuto e donato con la Resurrezione: e non solo a loro, ma a tutta l’umanità. Non poteva l’amore conoscere la morte: semmai passa dalla morte alla vita, come avviene in quanti sanno fare della vita un sacrificio per entrare nel meraviglioso mondo dell’amore di Dio e degli uomini (come hanno saputo fare i Martiri, i santi, tutti gli uomini di fede).

Quante volte, anche noi, viviamo il buio del venerdì santo!, a livello personale e comunitario (la pandemia prima e la guerra ora).  “Sembra che tutto sia un brutto scherzo per fare soffrire e basta!” è l’espressione che corre su tante bocche. E quante persone si incontrano che davvero vivono a un passo della disperazione, come numerosi crocifissi che popolano il grande calvario del mondo. E non meraviglia la grande paura che ci assale in quei momenti. E’ uguale alla paura, allo smarrimento degli apostoli il sabato santo. “E adesso?” E’ la domanda di angoscia che spunta sulle labbra.

Ma l’amore del Padre ci dona nella vita una croce da portare, ognuno la sua, misurata con le nostre forze, ma soprattutto con il Suo amore che si fa Cireneo con noi. Non è il Calvario la nostra eterna destinazione; se così fosse Dio davvero non ci avrebbe fatto un dono nel darci la vita. Questa è solo “Via alla gioia” e non eterno sabato santo, chiusi in un sepolcro dove non può filtrare neppure un raggio di luce, imbalsamati. Semmai questo lo scegliamo noi, con il nostro testardo e doloroso modo di coltivare il nostro egoismo, e rifiutare l’Amore, Dio. Dio ci ha creati per partecipare alla sua immensa felicità, per sempre; una felicità immensa come è quella di vedere il volto del Padre ed essere rivestiti della gioia senza fine che è l’amore. Ma tutto passa per la croce. E dalla croce alla Pasqua di resurrezione.

Leggendo i racconti, che ci tramandano i Vangeli, è descritta bene la sorpresa e l’immensa gioia degli apostoli, di Maria Maddalena, nel vedere Gesù risorto.  Sorprende quella voglia infinita di “credere e amare” Gesù, che pure era chiuso nel sepolcro ben sigillato. E lo vanno a visitare. Commuove l’amore di Maria, che non si rassegna alla morte del Maestro. L’amava tanto, diremmo noi, alla follia, e senza di Lui la vita non era più vita. L’amore le diceva che Gesù era vivo. Come capita a tutti noi quando qualche nostro carissimo parente o amico ci viene sottratto dalla morte. L’amore non conosce la morte. E come Maria, piangiamo, ma li cerchiamo e li chiamiamo, certi che ci ascoltano perché sentiamo profondamente che possiamo essere privati di questo corpo, tolti dalla nostra croce, sepolti, ma partecipi della resurrezione.

E’ la Pasqua davvero il meraviglioso dono del Padre che così, con la passione e morte del Figlio, atto supremo di amore, ci spalanca le porte della eternità con Lui…se siamo come Maria! La notizia che la vita ora è trasformata, questa gioia incontenibile del Maestro sempre con noi, non può essere contenuta, ma sente il bisogno di essere gridata, data a chi aveva creduto e amato Gesù. E quella notizia è giunta fino a noi. Quella gioia arriva a noi con la Pasqua. Quella gioia non solo la dobbiamo provare, ma raccontare a questo mondo troppo triste per un calvario che continua a costruire mettendoci infinite croci. Occorre, questa gioia, farla passare di bocca in bocca, come facevano i primi cristiani che incontrandosi si salutavano: “Cristo è risorto”. “Alleluja!” La dobbiamo donare a tanti, ma tanti, che soffrono, fino a farli entrare nel mondo della speranza.

Che sia così la nostra Pasqua: uomini, donne, giovani che escono dal sepolcro con Gesù e danzano la meravigliosa danza della resurrezione.

Don Tommaso e i confratelli

Calendario di Maggio
clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma