Vangelo 15 maggio

Dal Vangelo di Giovanni (13, 31-35)

31 Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e
Dio è stato glorificato in lui.  32 Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo
glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.  33 Figlioli, ancora per poco
sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico
anche a voi: dove vado io, voi non potete venire.  34 Vi do un comandamento
nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi
anche voi gli uni gli altri.  35 Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli:
se avete amore gli uni per gli altri».


Come vivere questa Parola?

L’evangelista Giovanni non dice che Gesù è stato glorificato solo dopo la sua
passione, per mezzo della risurrezione, ma mostra che la sua glorificazione
è iniziata proprio con la passione. In essa Gesù manifesta la sua gloria, che
è gloria dell’amore, che dona tutto se stesso. Egli ha amato il Padre,
compiendo la sua volontà fino in fondo, con una donazione perfetta; ha
amato l’umanità dando la sua vita per noi. Così già nella sua passione viene
glorificato, e Dio viene glorificato in lui. Ma Gesù afferma che la sua
glorificazione sarà anche futura. Poi lascia come testamento ai suoi discepoli
per continuare in modo nuovo la sua presenza in mezzo a loro, e dà un
comandamento: “Che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi”. Se ci
amiamo gli uni gli altri, Gesù continua ad essere presente in mezzo a noi, ad
essere glorificato nel mondo. Gesù parla di un “comandamento nuovo”. Ma
qual è la sua novità? Già nell’Antico Testamento Dio aveva dato il comando
dell’amore; ora, però, questo comandamento è diventato nuovo in quanto
Gesù vi apporta un’aggiunta molto importante: “Come io ho amato voi”. Ciò
che è nuovo è proprio questo “amare come Gesù ha amato”. L’Antico
Testamento non presentava alcun modello di amore, ma formulava soltanto
il precetto di amare. Gesù invece ci ha dato se stesso come modello e come
fonte di amore. Si tratta di un amore senza limiti, universale, in grado di
trasformare anche tutte le circostanze negative e tutti gli ostacoli in
occasioni per progredire nell’amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma