Vangelo 30 giugno

Dal Vangelo di Matteo (9, 1-8)
Salito su una barca, passò all’altra riva e giunse nella sua città.  2 Ed ecco, gli
portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al
paralitico: «Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati».  3 Allora alcuni scribi
dissero fra sé: «Costui bestemmia».  4 Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri,
disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore?  5 Che cosa infatti è più
facile: dire «Ti sono perdonati i peccati», oppure dire «Àlzati e cammina»?  6 Ma,
perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i
peccati: Àlzati – disse allora al paralitico -, prendi il tuo letto e va’ a casa
tua».  7 Ed egli si alzò e andò a casa sua.  8 Le folle, vedendo questo, furono prese
da timore e resero gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

Come vivere questa Parola?

Anche noi siamo stupiti e spaventati: Dio dona agli uomini il potere di
perdonare i peccati. Ci spaventa questa idea: forse è più rassicurante farci
perdonare da Dio che non vediamo e di cui non sentiamo la voce, piuttosto che
da un prete peccatore come noi che, se illuminato dallo Spirito, magari qualche
indicazione ce la dà, anche se brusca. Spaventa questo dono… Per chi lo deve
gestire, perché lo obbliga ad essere servo del perdono e non despota, perché
lo spinge ad essere accogliente verso chi desidera il perdono, e non giudice
malevolo. E per chi lo vuole ricevere, perché deve accettare la sconcertante
logica dell’incarnazione che ci obbliga a credere che un uomo peccatore come
noi può ricevere e donare lo straordinario dono del perdono… Grande Gesù che
ci mostra come il perdono ci toglie dalla paralisi e dalla paura e ci permette di
tornare a camminare e sperare, a correre e a saltare! Non c’è alcun peccato
che ci possa allontanare definitivamente da Dio. Non c’è nessuna ombra che ci
possa paralizzare al punto da non essere sanati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma