Vangelo 18 settembre

Dal Vangelo di Luca (8, 4-15)
Diceva anche ai discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a
lui di sperperare i suoi averi.  2 Lo chiamò e gli disse: «Che cosa sento dire di te? Rendi conto della
tua amministrazione, perché non potrai più amministrare».  3 L’amministratore disse tra sé: «Che cosa
farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare,
mi vergogno.  4 So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia
qualcuno che mi accolga in casa sua».  5 Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al
primo: «Tu quanto devi al mio padrone?».  6 Quello rispose: «Cento barili d’olio». Gli disse: «Prendi
la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta».  7 Poi disse a un altro: «Tu quanto devi?». Rispose:
«Cento misure di grano». Gli disse: «Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta».  8 Il padrone lodò
quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti,
verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.   9 Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la
ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
10 Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di
poco conto, è disonesto anche in cose importanti.  11 Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza
disonesta, chi vi affiderà quella vera?  12 E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la
vostra? 13 Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si
affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza»

Ascoltiamo la Parola.
La chiave di lettura di questa Parabola sta nell’invito di Gesù a usare bene le proprie ricchezze. La
“ricchezza disonesta” sono in generale i beni materiali che possono spingere a erigere muri, creare
divisioni e discriminazioni. Gesù, al contrario, ci invita ad invertire la rotta: “Fatevi degli amici con
la ricchezza”. È un invito a saper trasformare beni e ricchezze in relazioni, perché le persone
valgono più delle cose e contano più delle ricchezze possedute. Nella vita, infatti, porta frutto non
chi ha tante ricchezze, ma chi crea e mantiene vivi tanti legami, tante relazioni, tante amicizie
attraverso le diverse “ricchezze”, cioè i diversi doni di cui Dio l’ha dotato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° GIUGNO
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 19.00
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 19.00

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 19.00
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Tutti i giorni alle ore 18.00

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE
Mercoledì alle ore 18.00