Vangelo 8 dicembre

Dal Vangelo di Luca (1, 26-38)
  26 Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata
Nàzaret,  27 a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La
vergine si chiamava Maria.  28 Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
29 A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come
questo.  30 L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio.  31 Ed ecco,
concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.  32 Sarà grande e verrà chiamato Figlio
dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre  33 e regnerà per sempre sulla casa
di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». 34 Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo,
poiché non conosco uomo?».  35 Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza
dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio
di Dio.  36 Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e
questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile:  37 nulla è impossibile a Dio».  38 Allora Maria disse:
«Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Ascoltiamo la Parola
Il cristianesimo non inizia al tempio, ma in una casa. La prima parola dell’angelo, il primo
“Vangelo” che apre il vangelo, è: rallegrati, gioisci, sii felice. Apriti alla gioia, come una porta si
apre al sole: Dio è qui, ti stringe in un abbraccio, in una promessa di felicità. Le parole che seguono
svelano il perché della gioia: sei piena di grazia. Maria non è piena di grazia perché ha risposto “sì”
a Dio, ma perché Dio per primo ha detto “sì” a lei, senza condizioni. E dice “sì” a ciascuno di noi,
prima di qualsiasi nostra risposta. Che io sia amato dipende da Dio, non dipende da me. Quel suo
nome, “Amata-per-sempre” è anche il nostro nome: buoni e meno buoni, ognuno amato per sempre.
Piccoli o grandi, tutti continuamente riempiti di cielo. Il Signore è con te. Quando nella Bibbia Dio
dice a qualcuno “io sono con te” gli sta consegnando un futuro bellissimo e arduo (R. Virgili). Lo
convoca a diventare partner della storia più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma