Vangelo 31 dicembre

Dal Vangelo di Giovanni (1, 1-18)
1  In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. 2 Egli era, in principio,
presso Dio: 3 tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
4 In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; 5 la luce splende nelle tenebre e le tenebre non
l’hanno vinta. 6 Venne un uomo mandato da Dio:il suo nome era Giovanni. 7 Egli venne come
testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. 8 Non era lui la
luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. 9 Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina
ogni uomo. 10 Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha
riconosciuto. 11 Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. 12 A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, 13 i quali, non da sangue
né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. 14 E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi; gloria come del Figlio unigenito pieno di grazia e di verità
15 Giovanni gli dà testimonianza e proclama: «Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me
grazia su grazia. 17 Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per
mezzo di Gesù Cristo. 18 Dio, nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del
Padre, è lui che lo ha rivelato.

Ascoltiamo la Parola
Giovanni Battista annunciò la venuta del Messia, alcuni credettero che altri no. Quando nacque
Gesù, alcuni lo riconobbero e altri no! Oggi è sempre lo stesso. Ci sono persone che credono in
Cristo e altre che lo rifiutano. È la libertà di tutti. Quel che è certo, come dice Giovanni, è che
coloro che credono e accettano Gesù nella loro vita diventano “figli di Dio”. Gesù non è venuto per
imporre regole rituali o di giudizio, è venuto per offrirci la vita eterna, per offrirci di vivere
veramente nella grazia di Dio, come figli amati. Questo ovviamente implica che il bambino ama
anche suo padre e lo rispetta, e tutti sanno che c’è una grande differenza tra vivere da bambino o
vivere da servitore, da impiegato! Gesù è nato, fa di ciascuno di noi suo fratello, ciascuno di noi sua
sorella, vivremo davvero con Lui in questo amore fraterno che ci offre? La risposta dipende da noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma