Vangelo 15 gennaio

Dal Vangelo di Giovanni (1, 29-34)
29 Il giorno dopo, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il
peccato del mondo!  30 Egli è colui del quale ho detto: «Dopo di me viene un uomo che è avanti a me,
perché era prima di me».  31 Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli
fosse manifestato a Israele». 32 Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere
come una colomba dal cielo e rimanere su di lui.  33 Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha
inviato a battezzare nell’acqua mi disse: «Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è
lui che battezza nello Spirito Santo».  34 E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Ascoltiamo la Parola
Giovanni Battista ci spiega che, per riconoscere Gesù, è necessario un intervento dello Spirito
Santo: “Ho visto lo Spirito discende dal cielo” su di Lui. Perché, infatti, per avvicinarci a Cristo nel
suo mistero, la presenza dello Spirito Santo ci è indispensabile. Saranno, infatti, tanti gli abitanti di
Nazaret che, conoscendo Gesù umanamente, rimarranno sconvolti dalle sue parole in sinagoga
durante l’inaugurazione della sua predicazione ed esclameranno: non è lui il figlio di Giuseppe il
falegname? Certamente era vero, ma non potevano andare oltre il visibile per toccare l’invisibile in
Lui. È dunque chiaro che non c’è riconoscimento possibile di Cristo senza lo Spirito Santo: nessun
altro modo che Lui per avvicinarsi a Gesù nel mistero della sua persona di Figlio di Dio, in quella
della sua presenza di Verbo che parla nella Scrittura o di Pane dato come cibo nell’Eucaristia. È
questo Spirito comune al Padre e al Figlio che ci apre al mistero di Gesù, che ci conduce al
Padre. Sentiamo quindi quanto sia insostituibile la sua presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma