Vangelo 22 gennaio

Dal Vangelo di Matteo (4, 12-23)
12 Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea,  13 lasciò Nàzaret e andò
ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali,  14 perché si compisse
ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: 15 Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del
mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! 16 Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morteuna luce è sorta. 17 Da
allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
18 Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea
suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori.  19 E disse loro: «Venite dietro a me,
vi farò pescatori di uomini».  20 Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.  21 Andando oltre, vide
altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a
Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò.  22 Ed essi subito lasciarono la barca e il loro
padre e lo seguirono. 23 Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe,
annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Ascoltiamo la Parola
Il Signore cammina lungo il Mar di Galilea per chiamare i suoi discepoli. Venendo da questo paese
oscuro e disprezzato, ne porteranno il rimprovero come il loro Maestro. Ma hanno anche l’onore di
essere scelti per essere apostoli di Gesù Cristo, il Figlio di Dio. Alcuni, compreso Andrea, erano già
discepoli di Giovanni Battista, ma sulla testimonianza del loro maestro, si sono rivolti a Gesù per
seguirlo, e per portargli anime. Simone, da quel momento, riceve da Gesù il nome di Pietro, che
suggella il suo futuro. Occorrerà poi un lavoro salutare nella sua coscienza, affinché questo
discepolo sia idoneo al servizio e riceva questa promessa che sarà pescatore di uomini. Poi chiama
il suo popolo a un determinato servizio, che può essere compiuto solo venendo dietro a lui: “Se
qualcuno mi serve, mi segua, poiché separati da me potete fare niente”. Inoltre un appello per una
missione precisa altri particolari: questo implica, talvolta, la necessità di lasciarsi alle spalle: la
professione, la famiglia, la sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30.
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma