Vangelo 5 giugno

Dal Vangelo di Marco (12, 1-12)
1  Si mise a parlare loro con parabole: «Un uomo piantò una vigna, la circondò con una siepe, scavò
una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò
lontano.  2 Al momento opportuno mandò un servo dai contadini a ritirare da loro la sua parte del
raccolto della vigna.  3 Ma essi lo presero, lo bastonarono e lo mandarono via a mani vuote.  4 Mandò
loro di nuovo un altro servo: anche quello lo picchiarono sulla testa e lo insultarono.  5 Ne mandò un
altro, e questo lo uccisero; poi molti altri: alcuni li bastonarono, altri li uccisero.  6 Ne aveva ancora
uno, un figlio amato; lo inviò loro per ultimo, dicendo: «Avranno rispetto per mio figlio!».  7 Ma quei
contadini dissero tra loro: «Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e l’eredità sarà nostra!».  8 Lo presero, lo
uccisero e lo gettarono fuori della vigna.  9 Che cosa farà dunque il padrone della vigna? Verrà e farà
morire i contadini e darà la vigna ad altri.  10 Non avete letto questa Scrittura: La pietra che i
costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo; 11 questo è stato fatto dal Signore ed è una
meraviglia ai nostri occhi?». 12 E cercavano di catturarlo, ma ebbero paura della folla; avevano capito
infatti che aveva detto quella parabola contro di loro. Lo lasciarono e se ne andarono.

Ascoltiamo la Parola
La storia della vite ci parla qui di persone che erano affittuari e volevano diventare proprietari. Non
hanno accolto coloro che venivano da loro per ritirare parte della produzione. È un privilegio essere
nella vigna di Dio. L’avidità umana contrasta con la generosità di Cristo che è venuto per servire.
Gesù e il suo messaggio possono essere la pietra angolare della nostra vita: la verità e l’amore che ci
guidano e portano sicurezza e convinzione a tutto ciò che costituisce la nostra vita. Tutto l’amore e
tutta la bontà vengono da lui. Il modo in cui viviamo e cerchiamo di vivere il Suo vangelo è anche
la via di Dio. La vita stessa e l’amore sono doni di Dio, la pietra di paragone della nostra continua
creazione. Rivedo attentamente le mie azioni recenti per vedere come Dio può avvicinarsi a me
senza che me lo aspetti o me ne renda conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30

Eventi in programma