Vangelo 30 giugno

Dal Vangelo di Matteo (8, 1-4)
  1  Scese dal monte e molta folla lo seguì.  2 Ed ecco, si avvicinò un lebbroso, si prostrò davanti a lui e
disse: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi».  3 Tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio: sii
purificato!». E subito la sua lebbra fu guarita.  4 Poi Gesù gli disse: «Guàrdati bene dal dirlo a
qualcuno; va’ invece a mostrarti al sacerdote e presenta l’offerta prescritta da Mosè come
testimonianza per loro».

Ascoltiamo la Parola
Il modo in cui Gesù accoglie il lebbroso é l’opposto dell’atteggiamento sociale del suo tempo: il
lebbroso era un emarginato, contagioso, emarginato. Che uno di loro si avvicinasse a Gesù era
molto insolito. A causa della paura e dell’ignoranza, nessuno toccava i lebbrosi. Molti incontri di
Gesù sottolineano il fatto che nessuno è indesiderato nella sua casa, alla sua tavola, in sua
presenza. Per questo possiamo pregarlo in ogni momento, confidando nella certezza di essere amati
e guariti. Ispirato dall’uomo che soffriva di lebbra, inizio la mia preghiera, non con una richiesta
esigente, ma con la frase. “Signore, se vuoi, puoi…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° GIUGNO
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 19.00
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 19.00

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 19.00
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Tutti i giorni alle ore 18.00

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE
Mercoledì alle ore 18.00