Vangelo 26 settembre

Luca 8, 19-21
19 Un giorno andarono a trovarlo la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della
folla. 20 Gli fu annunziato: «Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti». 21 Ma
egli rispose: «Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in
pratica».


Ascoltiamo la Parola
Naturalmente, la gente pensava di aver visto Gesù mettere la sua famiglia al primo posto; ma in
una parola rivela che chiunque può far parte della sua famiglia. L’intimità con Gesù non dipende
dallo stato sociale, dai risultati accademici o dalla ricchezza; dipende piuttosto da come
“ascoltiamo la parola e la mettiamo in pratica”. Ma cos’è “la parola” e come “metterla in
pratica?” Le affermazioni fondamentali di Gesù ci dicono questo: l’amore di suo Padre per noi è
infinito; dobbiamo fidarci della sua parola e vivere secondo essa. Infatti, come dice Papa
Francesco, abbiamo: “… la certezza personale di essere infinitamente amati, al di là di
tutto. (Evangelii gaudium, 6) Quando sappiamo quanto siamo amati, e anche il nostro prossimo, il
nostro atteggiamento verso gli altri cambia e il mondo diventa più caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° GIUGNO
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 19.00
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 19.00

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 19.00
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Tutti i giorni alle ore 18.00

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE
Mercoledì alle ore 18.00