Vangelo 16 dicembre

Matteo 17, 10-13
10 E i discepoli gli domandarono: “Perché dunque dicono gli scribi che prima deve venire
Elia?”. 11 Ed egli, rispondendo, disse loro: “Certo, Elia deve venire e ristabilire ogni cosa. 12 Ma io
vi dico: Elia è già venuto e non l’hanno riconosciuto; anzi, gli hanno fatto tutto quello che hanno
voluto; così anche il Figlio dell’uomo deve soffrire da loro”. 13 Allora i discepoli compresero che
egli aveva parlato loro di Giovanni il battista.


Ascoltiamo la Parola
Il desiderio di segni è un’esperienza comune a tutti. Secondo le Scritture, Elia era stato portato in
cielo in un turbine, quindi si credeva che sarebbe tornato. Giovanni Battista era come Elia sotto
molti aspetti; era un altro ardente profeta. Giovanni continuò il ruolo di Elia: entrambi soffrirono a
causa di ciò che insegnarono. Gesù, come profeta, si troverebbe ad affrontare la stessa realtà. È una
chiamata a riconoscere un vero profeta e ad avere il coraggio e la convinzione di seguirlo. Come
riconoscere i falsi profeti del nostro tempo? Prego per essere profetico nel vivere e condividere la
Buona Novella di Gesù che viene tra noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30