Vangelo 4 gennaio

Giovanni 1, 35-42
35 Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli  36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!».  37 E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.  38 Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa Maestro -, dove dimori?».  39 Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. 40 Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro.  41 Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo –  42 e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

Ascoltiamo la Parola
Matteo, Marco e Luca vedono la vocazione cristiana espressa nelle parole: «Convertitevi e credete alla Buona Novella». Giovanni, invece, vede la nostra vocazione come una risposta alle parole di Gesù “Vieni e vedi”. Questo è un invito a conoscere Gesù come l’amore di Dio reso visibile, verso il quale lo Spirito Santo vuole condurci. Se hai tempo per pregare con il Vangelo di oggi, per un po’ resta calmo dentro e lascia che Gesù ti dica più volte queste parole: “Vieni e vedi”, fermandoti ogni volta per sentire il tono della sua voce e vedere l’espressione del suo volto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30