Vangelo 28 febbraio

Matteo 20, 17-28 
17 Mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse
loro:  18 «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti
e agli scribi; lo condanneranno a morte  19 e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e
flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà». 20 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di
Zebedeo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa.  21 Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli
rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo
regno».  22 Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per
bere?». Gli dicono: «Lo possiamo».  23 Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla
mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha
preparato». 24 Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli.  25 Ma Gesù li chiamò a
sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le
opprimono.  26 Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore  27 e
chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo.  28 Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto
per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».


Ascoltiamo la Parola
Il Concilio Vaticano II ha affermato che «l’uomo acquisisce la sua pienezza attraverso
il servizio e la donazione disinteressata agli altri». In questo caso ci sembra di donare
la nostra vita, quando in realtà la stiamo ritrovando. E per questo modo di vivere, il
nostro modello è Cristo stesso, perché «il Figlio dell’uomo è venuto non per essere
servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto di molti». Essere servitore,
schiavo, proprio come Gesù ci chiede, per noi è impossibile. È al di fuori della nostra
povera volontà: dobbiamo implorare, sperare e desiderare intensamente che questi
doni ci siano concessi. La Quaresima e le sue pratiche di digiuno, elemosina e
preghiera, ci ricordano che per ricevere questi doni dobbiamo disporci debitamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30