Vangelo 22 marzo

Giovanni 10, 31-42
31 Di nuovo i Giudei raccolsero delle pietre per lapidarlo.  32 Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte
opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?».  33 Gli risposero i Giudei: «Non
ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».  34 Disse
loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dèi?  35 Ora, se essa ha
chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata -,  36 a
colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: «Tu bestemmi», perché ho detto:
«Sono Figlio di Dio»?  37 Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi;  38 ma se le compio,
anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io
nel Padre».  39 Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
40 Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui
rimase.  41 Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto
quello che Giovanni ha detto di costui era vero».  42 E in quel luogo molti credettero in lui.

Ascoltiamo la Parola
Nel vangelo di oggi Gesù ci fa entrare con maggiore schiettezza nella sua intimità, dove si trovano i
suoi affetti più cari. E’ un po’ come se ci volesse preparare alla settimana che sta arrivando e alle
vicende che affronterà. Lo vedremo abbandonato e disprezzato, “uomo dei dolori che ben conosce il
patire” (Is 53,3), ma in realtà non è mai solo. Perché “il Padre è in lui, e lui nel Padre”. La sua
vicinanza al Dio del perdono e della vita è totale. “Voi siete dei” (Sal 82,6) non significa che siamo
perfetti, che non sbagliamo mai, che possiamo volare o abbiamo i superpoteri: significa che anche
noi non siamo mai soli. Perché questo è Dio colui che costruisce relazioni piene, gratuite,
autentiche. Il grande tesoro di Dio non è la sua onnipotenza, ma la sua capacità d’amare. La
certezza di Gesù di non essere mai solo ci viene come regalata e consegnata: anche noi, come “dei”,
siamo figli di Dio, capaci di stargli vicino. Il che significa che siamo capaci di amare nonostante
tutto, di donare noi stessi alle persone che ci sono vicine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30