Vangelo 26 marzo

Giovanni 12, 21-33. 36-38
21 Dette queste cose, Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di
voi mi tradirà».  22 I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse.  23 Ora uno
dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù.  24 Simon Pietro gli fece
cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava.  25 Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse:
«Signore, chi è?».  26 Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E,
intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariota.  27 Allora, dopo il boccone,
Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto».  28 Nessuno dei
commensali capì perché gli avesse detto questo;  29 alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva
la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse
dare qualche cosa ai poveri.  30 Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. 31 Quando fu uscito,
Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui.  32 Se Dio è
stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.  33 Figlioli,
ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a
voi: dove vado io, voi non potete venire. 36 Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose
Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi».  37 Pietro disse: «Signore,
perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!».  38 Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me?
In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte.


Ascoltiamo la Parola
Ciò che Giuda vive come “notte”, per Gesù è l’ora della “gloria”. Mentre Giuda si sente sempre più
lontano e separato dal maestro, Gesù lo invita a una comunione profonda e familiare, attraverso il
semplice gesto del “boccone”. Il verbo greco usato per indicare il tradimento è “paradìdomi”, che
significa sia “tradire” (ciò che ha in mente Giuda) che “consegnare” (l’intenzione di Gesù): Giuda
pensa di tradire il maestro, ma in realtà Gesù si consegna nelle mani dell’uomo. Gesù ha capito che
sta per vivere un momento terribile. Sa che sta per soffrire parecchio, non solo nel corpo, ma anche
nelle relazioni e negli affetti, ma questo non lo fa smettere di amare. Io probabilmente mi sarei
rinchiuso in un mutismo impaurito, forse sarei diventato collerico. Gesù, invece, nonostante le mille
intenzioni di male che ha attorno a sé, Gesù resta convinto che l’amore cambia le carte in tavola.
Gesù resta convinto che, se rimane nell’amore, sarà lui a vincere sul male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° SETTEMBRE
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 18.30
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.30

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 18.30
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì ore 17.30
Sabato ore 17.45

 

La Basilica il sabato chiude alle 12.30 e riapre alle 16.30; la domenica chiude alle 13.00 e riapre alle 16.30