Vangelo 2 maggio

Giovanni 15, 9-11
9 Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.  10 Se osserverete i
miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio
e rimango nel suo amore.  11 Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia
piena.

Ascoltiamo la Parola
Quando Gesù sceglie il verbo «rimanere» per parlare del rapporto che i discepoli devono avere con
lui e con il Padre, indica non solo collaborare, o seguire, o obbedire, ma qualcosa di più profondo. Il
«rimanere nell’amore» di cui ci parla Gesù comporta una fedeltà dinamica, creativa. Se non fosse
così, perché il dono della libertà e della fantasia? Come ogni papà, così forse anche Dio Padre vuole
in un certo senso essere stupito da noi, suoi figli. E, come ogni papà, è felice e orgoglioso quando
impariamo a nuotare e ci stacchiamo, emozionati e curiosi, dallo scoglio delle nostre paure.
Soprattutto dalla paura di confrontarsi con pensieri e opinioni differenti, che possono in qualche
modo distrarci, “staccarci” dallo scoglio sicuro delle certezze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° GIUGNO
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 19.00
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 19.00

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 19.00
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Tutti i giorni alle ore 18.00

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE
Mercoledì alle ore 18.00