Vangelo 11 maggio

Giovanni 16, 23b-28
In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la
darà.  24 Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia
piena. 25 Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo
velato e apertamente vi parlerò del Padre.  26 In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico
che pregherò il Padre per voi:  27 il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete
creduto che io sono uscito da Dio.  28 Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di
nuovo il mondo e vado al Padre».


Ascoltiamo la Parola
Spesso le nostre preghiere non vengono esaudite. Perché? Perché non hanno nulla a che vedere con
la nostra vera gioia. Essere ascoltati nella preghiera consiste nello sperimentare una pienezza di
gioia lì dove il mondo non scommetterebbe nulla. Consiste nel ritrovarsi la vita cambiata perché
colma di ciò che San Francesco chiama “perfetta letizia”. La nostra preghiera a Dio, per mezzo del
Signore Gesù, sia allora quella di chiedere tutto ciò che ci può donare veramente la gioia. Sia lo
Spirito a orientare le nostre richieste perché Lui solo sa ciò di cui abbiamo veramente bisogno. Lo
Spirito apre i nostri occhi in modo che noi possiamo comprendere ciò a cui siamo stati chiamati. E
quando lo Spirito apre i nostri occhi, noi siamo veramente riempiti della traboccante gioia del
Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° GIUGNO
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 – 19.00
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 19.00

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 19.00
Sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

SANTO ROSARIO
Tutti i giorni alle ore 18.00

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE
Mercoledì alle ore 18.00