Vangelo 5 luglio

Matteo 9, 9-13
9 Andando via di là, Gesù vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse:
«Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.  10 Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti
pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli.  11 Vedendo ciò, i
farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai
peccatori?».  12 Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i
malati.  13 Andate a imparare che cosa vuol dire: Misericordia io voglio e non sacrifici. Io non sono
venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».


Ascoltiamo la Parola
In fondo, dobbiamo tutti difenderci un po’. Dobbiamo adattarci a un mondo con dei ritmi di lavoro
spesso forsennati, dobbiamo blindarci un po’ di fronte alle tante richieste che ci arrivano da
conoscenti e amici, è necessario che ci alleniamo per fornire le prestazioni che questo mondo
virtuale richiede. Così, è più che normale che ognuno di noi si doti di una agenda interiore, con un
bel libro mastro “dare/avere”, dove segnare i conti, dove annotare il tempo speso e quello
risparmiato, le energie conservate e quelle donate. Ma pian piano, così facendo, diveniamo tutti
piccoli esattori delle imposte, capaci forse di stabilizzare ogni transazione della vita – in termini di
tempo ed energie -, ma un po’ resistenti a ricordarci che siamo anche cuore. In ebraico, “Levi”.
Speriamo che qualcuno, con il suo sguardo di comprensione e di misericordia, cammini ancora
davanti al nostro banco, ci guardi con tenerezza e ci ridoni la memoria: non siamo solo “Matteo
l’esattore delle imposte”, ma siamo anche Levi, cuore capace di dare e ricevere misericordia. Perché
la vita non si misura in debiti e crediti, ma nel desiderio di appartenere a qualcuno, di essere
riempiti di perdono per poterlo donare agli altri a nostra volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sante Messe

DAL 1° LUGLIO AL 31 AGOSTO
ORARIO DELLE SANTE MESSE
FERIALI: ORE 7.30 – 9.00 – 10.30 (sospesa ad agosto) – 19.00
FESTIVI: ORE 8.00 – 9.00 – 10.30 – 19.00

ADORAZIONE EUCARISTICA
Dal lunedì al venerdì: dalle 8.00 alle 12.00Nel mese di agosto è sospesa e riprende a metà settembre

SANTO ROSARIO

Tutti i giorni alle ore 18.30

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE
Mercoledì alle ore 18.30

La Basilica chiude alle ore 12.30 e riapre alle ore 17.00